La “delinquenza” al lavoro

La nuova “delinquenza” di Roma, si fonda sostanzialmente su due grandi categorie di lavoratori: quelli col furgone (e non mi riferisco solo ai corrieri) e le pseudo compagnie di sicurezza.

Entrambi infestano qualsiasi elemento del centro e non solo, con tracotanza e maleducazione, rendendo, quel che resta di una città ormai orrenda di suo (non devo specificare a cosa mi riferisco), un posto ancor più brutto.

Questi infatti, hanno preso possesso di qualsiasi strada, buco, passaggio pedonale, striscia di qualsiasi colore e forma, indifferentemente se per auto, bus, taxi, moto, disabili, insomma, hanno il pieno potere sulla mobilità cittadina, soprattutto del centro e in particolare del “triangolo d’oro”, cioè di quei luoghi che per naturale corso, dovrebbero essere il motore turistico, amministrativo, economico, politico della città.

Questa è la Roma che si vive ogni giorno, soprattutto per una utenza che già di per sé si trova a combattere con mezzi pubblici insufficienti, una rete metropolitana pessima, posteggi su strada pochi e a pagamento e parcheggi tipo il Saba di Villa Borghese che tanto vale che te la fai a piedi da casa, visto che non funzionano giornalmente i tappeti mobili e dove le scale mobili sono fuori uso da almeno due anni (sicuro da quando ci vivo).

Di questi tempi insomma, come se già non bastasse, ti mette a dura pure prova anche questa forma di “camorra” della mobilità che si permette di riservare per sé, e per i propri amici, amanti e parenti, qualsiasi spazio pubblico che potrebbe supplire alle mancanze strutturali o in altri casi, che cerca di metterti sotto ogni qualvolta intralci i loro propositi di record su strada, “tre metri per trenta”.

È va bé, si potrebbe continuare all’infinito, ma sarebbe inutile, più di quanto già scritto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.