Il destino dei Totò

Totò Cuffaro è indubbiamente il volto della Sicilia degli anni duemila.

Un imprescindibile connubio tra bene e male che nel primo decennio del nuovo secolo ha incantato, deluso e amareggiato almeno due milioni, su sei, cittadini dell’isola.

Totò Cuffaro e Pierferdinando Casini
Totò Cuffaro e Pierferdinando Casini nel 2008. Alle spalle cerca visibilità Totò Cordaro. Fu l’Udc

Totò l’impareggiabile: baciatore e baciato, amato e odiato, sbeffeggiato e sbeffeggiatore. Nessuno meglio di lui può simboleggiare la nostra sicilianità; Mafioso, ma anche no. Con un problema di coscienza, ma risolvibile. Carcerato, ma salutava sempre. Totò grasso, poi dimagrito. Totò infamato, ma celebrato. Insomma Totò, per sempre Totò.

Da quando è uscito di prigione non si fa altro che rincorrerlo, intervistarlo, coccolarlo. Tutti vogliono un parere da Totò; per chi votare alle regionali, comunali, condominiali. Totò ti piace Ferrandelli? Vorresti adottare un figlio con Crocetta? Sei renziano o vulcaniano? Che ne pensi delle bretelle di Crisafulli?

Insomma tutti a fargli domande, a cercare risposte e avanzare richieste. Totò qua, Totò là. Domande che non disattende mai, come ai bei tempi della sua Presidenza.

Totò un postu ppi me figghiu; Totò mi tagghiaru l’acqua; Totò fa chioviri.

Totò cuore d’oro rispondeva sempre.

Totò centralino.

Totò 2008.

E da allora, da quel fatidico anno, da quell’ingestibile giorno, da quel pomeriggio di dolore e indignazione, da quei cannoli, poggiati su un piano che Totò zuccherato diventò Totò sdisonorato.

E venne il giorno, ca su purtaru. Anzi, che si consegnò, con l’incredibile forza di un uomo, distrutto e logorato dal potere, un uomo su cui tutti mangiarono e fecero mangiare, come solo il triste destino di un ultimo, vero, democristiano saprebbe fare.

Totò croce e delizia.

Totò numerato, anzi, sbarrato, come una vecchia identificazione dell’Amat.

Totò in galera, come un orso in primavera.

Totò crociato, per i compagni d’avventura, per i compagni in gattabuia.

Totò scudato, per i compagni di partito, per i compagni di destino.

Totò parafulmine, come un altro Totò, quello che baciava un democristiano.

Il destino dei Totò. Smack

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.